Membres   +41 (0)27 458 43 93   info@lecopain.ch

Famiglie d’accoglienza

Siamo sempre alla ricerca di famiglie d’accoglienza

Ruolo

Il loro ruolo è di accogliere presso la loro abitazione un cucciolo di otto settimane. Questo periodo in famiglia d’accoglienza è una fase primordiale per il nostro futuro cane d’assistenza.

Obiettivo

Le famiglie d’accoglienza sono seguite dai monitori del  COPAIN. Il loro obiettivo è di familiarizzare i cussioli con il mondo esterno, vale a dire la folla. i rumori, negozi, trasporti pubblici, cinema, altri animali, etc…

Costi

LE COPAIN si prende carico di tutte le spese riguardanti il cibo e le consultazioni veterinarie. Non ç è nulla di complicato; bisogna avere del tempo per donare al cucciolo le nozioni di base di tutti i cani ben educati… e se possibile non far mangier loro il gatto del vicino !

Durata

Questo magnifico apprendimento durerà circa 15-18 mesi al termine dei quali i cani rientreeranno nel nostro Centro a Granges; qui proseguiranno la loro formazione che permetterà di cambiare la vita del suo nuovo compagno o compagna.

2426264_pic_970x641

Diventare famiglia d’accoglieza è semplicimente un gesto d’amore.

Grazie a tutte e tutti coloro che potranno aiutarci nelle ricerca !

Profilo richiesto per una famiglia d’accoglienza:

  • avere del tempo a disposizione.
  • permettere al cucciolo di essere regolarmente a contatto con i bambini. I bambini della famiglia dovranno essere in età scolastica.

Tutte le famiglie che desiderano prendere un cuccilo del COPAIN lo potranno fare a condizione di accettare in seguito, tutte le settimane, un corso “famiglie d’accoglienza ” con un monitore regionale e un “corso per cuccioli”.

Nel corso di questo periodo, le famiglie di accoglienza effettuano:

  • la socializzazione
  • la pre-educazione

Cio’vuol dire fare di un cucciolo un animale equilibrato e perfettamente integrato nella societa, nella familiarità con la piu’ grande diversità di situazioni possibili. Questo significa portarlo il piu’ spesso possibili con se al mercato, in città, in campagna, al ristorante, in viaggio e lasciargli libero accesso alla maggior parte delle stanze sella casa. La famiglia d’accoglienza è aiutata nel suo ruolo di pre-educazione dai monitori reginali formati dall’Associazione.